T.A.C.

Dove eseguire l'esame
Cadoneghe (Radiologia Scrovegni).
Conegliano (Poliambulatorio Marca Trevigiana).

Regime
Convenzionato con il SSR e privato.

Documenti utili


Che cos’è la tomografia computerizzata (TC, nota come TAC)
La tomografia computerizzata (TAC) è una metodica radiologica in cui viene utilizzato, a fini diagnostici, un sottile fascio di raggi X emesso da un tubo radiogeno che ruota attorno al paziente. Il fascio attraversa di volta in volta una singola sezione corporea (da cui il nome tomografia), effettuandone una scansione. Contrapposto al tubo si trova un sistema rilevatore, il detettore, che raccoglie le radiazioni attenuate emergenti dal corpo del paziente. Queste vengono poi trasformate in segnali elettrici analogici e convertite in dati digitali. La TAC, valutando differenze di densità di tessuti, fornisce immagini del corpo umano nei diversi piani dello spazio. L’esame necessita di una prescrizione medica.

Quando è utile sottoporsi ad una TC
La TAC è indicata per lo studio dei parenchimi (encefalo, polmone, reni, utero), dei vasi arteriosi (aorta) e venosi, dei tessuti molli (muscolo-fasciali), delle ossa e delle articolazioni. Presso la nostra struttura vengono eseguiti esami anche con mezzo di contrasto. Per l’esecuzione della T.A.C. è necessaria una valutazione preventiva da parte dei nostri medici radiologi, nel caso di esami con M.D.C. (mezzo di contrasto) anche dell'anestesista. E’ necessaria la compilazione della scheda informativo-anamnestica e di consenso informato da parte del Medico.

Le apparecchiature
GVDR dispone di un apparecchio ECLOS HITACHI multidetettore che consente di esaminare tutti i distretti corporei.

Chi effettua l’esame
L’esame di TAC viene effettuato dai Tecnici Sanitari di Radiologia Medica (TSRM). Nel caso di M.D.C. (mezzo di contrasto) anche dall'anestesista.
L’interpretazione dell’esame è affidata a Medici Radiologi.

Precauzioni e controindicazioni
Non esistono controindicazioni assolute all’esecuzione di una TAC. Permangono le controindicazioni relative all’utilizzo di radiazioni ionizzanti e del loro potenziale danno biologico sui tessuti. Di norma si evita l’esame alle donne in gravidanza (presunto o accertato) e si limita all’indispensabile ai bambini in tenera età. Esistono controindicazioni all’impiego di mezzo di contrasto endovenoso in pazienti allergici o presunti tali. In tal caso è prevista una terapia desensibilizzante a base di cortisone da iniziarsi circa 18 ore prima dell’esame, finalizzata a ridurre il rischio di gravi reazioni allergiche. L’utilizzo di mezzi di contrasto endovenosi, infine, deve essere attentamente valutata nei pazienti con gravi insufficienza epatica o renale.

Le principali applicazioni della TAC diretta riguardano i segmenti scheletrici:

  • Polso e mano
  • Avambraccio (radio e ulna)
  • Braccio (omero)
  • Spalla (scapola compresa)
  • Colonna (o rachide): cervicale, dorsale, lombosacrale
  • Orecchio
  • Bacino e anca
  • Femore e ginocchio
  • Gamba: tibia e perone, caviglia e piede
  • Cranio: seni paranasali
  • Cranio: temporomandibolare
  • Torace, addome
  • Dentalscan: una arcata
  • Dentalscan: due arcate
  • Encefalo
  • Massiccio facciale

 

Preparazione all’esame
Non è prevista alcuna preparazione nel caso di T.C. senza mezzo di contrasto.

Se si tratta invece di esame T.C. con mezzo di contrasto è richiesto il digiuno da almeno 6 ore e la presentazione di specifici esami ematici prescritti dal Medico Curante.

Esecuzione dell’esame
Il paziente è comodamente sdraiato su un lettino che scorre attraverso un breve tunnel. Non vi sono problemi di claustrofobia. La durata dell’esame varia in relazione ai distretti corporei da esaminare. Generalmente una TAC dura 15 minuti circa.

Il referto
Il referto è disponibile entro 72 ore dall’esecuzione dell’esame e può essere ritirato dal paziente o da altra persona purché in possesso di delega scritta e dei documenti d’identità del paziente e del delegato.

 

Le principali applicazioni della TAC con MDC, riguardano:

  • Torace con MDC
  • Collo con MDC
  • Addome superiore con MDC
  • Addome inferiore con MDC
  • Addome completo con MDC
  • Urografia con MDC
  • Total body per stadizione oncologica
  • Cranio – encefalo con MDC
  • Massiccio facciale con MDC
  • Orecchio con MDC
  • Reni con MDC
     Segmenti scheletrici:
     Articolazione coxo-femorale con MDC
     Ginocchio e gamba con MDC
     Caviglia e piede con MDC
     Cervicale con MDC
     Dorsale con MDC
     Lombosacrale con MDC
     Spalla e braccio con MDC
     Gomito ed avambraccio con MDC
     Polso e mano con MDC

Preparazione all’esame
E’ richiesto il digiuno da almeno 6 ore e la presentazione di specifici esami ematici prescritti dal Medico Curante.

Esecuzione dell’esame
Il paziente è comodamente sdraiato su un lettino che scorre attraverso un breve tunnel. Non vi sono problemi di claustrofobia. La durata dell’esame varia in relazione ai distretti corporei da esaminare. Generalmente una TAC dura 15 minuti circa. Con TAC con MDC sarà eseguita una iniezione con il mezzo di contrasto.

Il referto
Il referto può essere ritirato dal paziente o da altra persona purché in possesso di delega scritta e dei documenti d’identità del paziente e del delegato.

Nota informativa per TAC con mezzo di Contrasto.
L’indagine radiologica richiesta prevede la somministrazione endovenosa “mezzo di contrasto” che da la possibilità di riconoscere meglio le strutture normali (in particolare escretrici urinarie, vasi arteriosi e venosi) e le attenzioni patologiche e spesso di precisarne la natura.
I mezzi di contrasto (MDC) organoiodati (TAC) e contenenti gadolinio (RMN) possono provocare effetti collaterali e alcune reazioni avverse. (vedi Foglio Illustrativo del Farmaco).

L’anestesista eseguirà una valutazione clinica e strumentale al paziente ai fini del giudizio di idoneità alla somministrazione del MDC e gli fornirà tutte le informazioni necessarie per ottenere il consenso informato all’esecuzione di esami radiologici con mezzo di contrasto dal paziente.
Attenzione: il colloquio con l’anestesista può portare all’esecuzione dell’esame, ma anche alla NON esecuzione per motivi clinici o perché il paziente non da il proprio consenso.

Le reazioni, di grado lieve (nausea, vomito, prurito) o moderato (vomito profuso, orticaria diffusa, edema facciale, broncospasmo) sono in genere risolte con semplici provvedimenti terapeutici. Rarissimamente, si possono verificare reazioni severe (shock ipotensivo, edema polmonare, arresto cardio-respiratorio), che in casi eccezionali possono provocare il decesso. Nella nostra struttura l’iniezione endovenosa di mezzi di contrasto è eseguita sotto la supervisione di un medico rianimatore.

Controindicazioni e Precauzioni d’uso
(Situazioni nelle quali il Mezzo di Contrasto non deve essere somministrato o somministrato con particolare cautela)
• Pregresso shock anafilattico da MDC
• Allergie
• Ipertiroidismo (TAC)
• Mieloma multiplo (TAC)
• Gravi disfunzioni renali:
i mezzi di contrasto organoiodati sono altamente tossici per i reni e possono aggravare uno stato di insufficienza renale latente. Recenti studi hanno dimostrato che l’utilizzo dei Mezzi di Contrasto contenenti gadolinio, pur non essendo direttamente tossici per i reni, aumenta il rischio di sviluppare una rara e grave condizione medica, chiamata fibrosi sistemica nefrogenica (FSN), che può manifestarsi soltanto: in presenza di insufficienza renale (specialmente grave, con valori di filtrato glomerulare inferiori a 30/ml/minuto/1,73m); in pazienti in emodialisi peritoneale; in pazienti candidati al trapianto di fegato.

Per l’esecuzione dell’esame non è necessaria la sospensione di eventuali trattamenti farmacologici abituali è invece indispensabile:

  • Essere a digiuno da almeno 5 ore
  • Portare, ove esistenti, sia esami radiologici precedenti che i documenti relativi al quesito diagnostico
  • Rispettare l’intervallo di almeno 10 giorni da una qualsiasi precedente somministrazione di MdC endovenoso;
  • E’ inoltre consigliato di sospendere l’allattamento per le 48 ore successive all’esame, anche se non esistono informazioni certe al riguardo.
  • Per l’esecuzione dell’esame TAC all’addome con MDC il paziente sarà da convocare un’ora prima per la somministrazione orale di acqua

Si informa il paziente che al termine dell’esame TAC con mezzo di contrasto verrà somministrata fleboclisi di soluzione fisiologica da 500 ml endovena allo scopo di facilitare l’eliminazione del mezzo di contrasto.

I nostri specialisti
Dott. Lorenzo Bidoli
Dott. Francesco Peruzzi
Dott.ssa Nicoletta Lupone (anestesista)

SALUTE PER IL VENETO

Salute per il Veneto (www.saluteperilveneto.org). La Rete Salute per il Veneto offre una coordinata, completa e qualificata offerta sanitaria e socio‐sanitaria che pone l’Utente al centro di un sistema integrato costituito da strutture sanitarie, enti previdenziali, partners economici.

Leggi tutto

NES ONLINE

Vuoi essere aggiornato sul mondo della sanità veneta? Visita NES On-line

Vai al sito

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti. Questo sito web o gli strumenti di terze parti utilizzati in questo sito fanno uso di cookie necessari per operare e utili per le finalità descritte nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altro modo, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più, controlla la cookie policy.